Attribuzione credito scolastico e formativo

 

MODALITÀ E CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO (CS)

CREDITI

crediti

Le norme di riferimento per il Credito scolastico (CS) e del Credito formativo (CF) sono L. 425 del 10/11/1997; D.P.R. 23 luglio 1998 n.323; D.M. n.49 del 24 febbraio 2000; O.M. n. 43 dell’11 aprile 2002, il D.M. n.42 del 22 maggio 2007 e il D.M. n.99/2009.

  1. L’attribuzione del punteggio relativo al Credito Scolastico (CS) è compresa all’interno della fascia di oscillazione determinata dalla media dei voti dello scrutinio.

CREDITO SCOLASTICO (candidati interni)

Media dei voti

Credito scolastico (Punti)

III anno

IV anno

V anno

M = 6

3 – 4

3 – 4

4 – 5

6 < M ≤ 7

4 – 5

4 – 5

5 – 6

7 < M ≤ 8

5 – 6

5 – 6

6 – 7

8 < M ≤ 9

6 – 7

6 – 7

7 – 8

9 < M ≤ 10

7 – 8

7 – 8

8 – 9

M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire nell’ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero.

Al credito scolastico concorrono i seguenti indicatori:

  1. Assiduità della frequenza scolastica  

E’ valutata positivamente se i giorni di assenza  sono inferiori agli 8 nel primo trimestre oppure se sono, complessivamente nell’anno, inferiori a 19. Per valutare positivamente la frequenza, inoltre, le uscite anticipate e i ritardi non devono superare le 8 ore nel primo trimestre, e/o non devono superare le 20 ore  complessive nell’arco dell’anno scolastico.

  1. Interesse e impegno nella partecipazione al dialogo educativo

Sono valutati positivamente: rispetto delle consegne e degli impegni di studio; attenzione durante le lezioni e le verifiche; atteggiamento propositivo nei confronti della programmazione didattico-educativa e culturale dell’Istituto; disponibilità all’assunzione di impegni e carichi di lavoro finalizzati all’approfondimento dei contenuti programmati dal Consiglio di Classe.

  1. Partecipazione alle attività complementari e integrative promosse dall’istituto.

Ai fini dell’attribuzione del credito scolastico, premesso il rispetto delle disposizioni contenute nel D.M. 99/2009 e della relativa tabella allegata, pur riconoscendo ai singoli Consigli di Classe autonomia di valutazione e delibera, il Collegio dei Docenti concorda quanto segue:

  1. Si assegna il punteggio MINIMO della fascia corrispondente alla  Media dei voti se si verifica almeno una delle seguenti situazioni:

 

a) viene deliberata l’ammissione all’Esame di Stato a Maggioranza (escludendo quindi il computo di eventuali crediti formativi)

 

b) l’ammissione alle classi 4^  o  5^  avviene a giugno in presenza di lievi lacune verbalizzate e/o con delibera a maggioranza, oppure a settembre in seguito a giudizio sospeso

c) viene deliberata l’ammissione all’unanimità, non ci sono crediti formativi, la Media dei voti è uguale a 6 per la prima banda di oscillazione e inferiore o uguale ai seguenti valori  rispettivamente  per  la seconda e terza banda di punteggio crediti: 6,5    7,5;

2) Si assegna il punteggio MASSIMO della fascia corrispondente alla Media dei voti se:

a) l’ammissione all’Esame di Stato o alle classi 4^ o 5^ è deliberata all’unanimità e la Media dei voti è superiore ai seguenti valori rispettivamente per  la seconda e terza  banda  di punteggio         crediti:  6,5  ;  7,5.

oppure

b)  l’ammissione all’Esame di Stato o alle classi 4^ o 5^ è deliberata all’unanimità, sono presenti crediti formativi coerenti con il corso di studi o riconosciuti dalla normativa vigente; oppure sono valutati positivamente l’assiduità della frequenza, l’interesse e l’impegno nella partecipazione al dialogo educativo e  la Media dei voti è uguale a 6 per la prima banda di oscillazione e inferiore o uguale ai seguenti valori rispettivamente  per la seconda e terza  banda di punteggio  crediti:  6,5  ;  7,5.

c)  indipendentemente dalla presenza di crediti formativi e dalla Media dei voti per le ultime due bande di oscillazione di punteggio crediti.

MODALITA’ E CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO FORMATIVO (CF)

L’attribuzione del punteggio relativo al Credito Formativo (CF) è sempre compresa all’interno della fascia di oscillazione determinata dalla media dei voti dello scrutinio. I Consigli di Classe procedono alla valutazione del Credito Formativo relativo alle esperienze maturate all’esterno sulla base dei seguenti  criteri:

  • Le esperienze devono essere coerenti con il corso di studi (indicatori: omogeneità con i contenuti tematici del corso, approfondimento e/o attuazione degli stessi);
  • Le esperienze devono essere svolte in ambiti della società civile legati alla formazione della persona e alla crescita umana, civile e culturale (l’attività lavorativa, anche in settori diversi rispetto all’indirizzo di studi, è considerata utile alla crescita umana, civile e culturale);
  • attività sportive: il Consiglio di classe prende in considerazione quelle svolte all’interno di Enti riconosciuti a livello nazionale o Federazioni affiliate al CONI, che comportino un impegno settimanale minimo di 6 ore.

Si riconoscono in particolare le seguenti attività:

-attività lavorativa

-lavoro estivo guidato

-attività sportive

-corsi di lingue finalizzati alla certificazione a livello europeo

-attività di volontariato

-patente europea del computer.

La documentazione deve essere presentata in Segreteria in tempo utile per la preparazione degli scrutini finali, contenere una sintetica descrizione dell’esperienza formativa, del periodo in cui è stata effettuata e della relativa durata. L’attestazione deve riportare timbro e firma del responsabile ufficiale dell’ente stesso.

Per quanto riguarda la partecipazione alle attività complementari e integrative promosse dall’istituto, sono riconosciute le seguenti attività che richiedono un impegno temporale non saltuario, comportano un coinvolgimento attivo degli alunni, presentano una ricaduta positiva sul comportamento degli studenti, nella partecipazione agli organi collegiali e alle iniziative culturali e di volontariato  promosse dall’istituto.

Si riconosce in particolare la partecipazione ai seguenti progetti:

- attività di orientamento

- corsi di lingue

- alternanza scuola-lavoro con esito positivo

- partecipazione a concorsi banditi dall’istituto

- ospitalità Comenius

- corso sicurezza ASPP

- olimpiadi di materie disciplinari

- attività di peer educator

- attività pomeridiane di teatro

- partecipazione a progetti dell’istituto che comportino un impegno extracurricolare minimo di 10 ore.

Stage, lavoro estivo guidato e altre attività -debitamente documentate- che si concludono dopo gli scrutini verranno valutate ai fini dell’attribuzione del credito formativo per l’anno scolastico successivo.

Le attività sono documentate con un elenco nominativo dei partecipanti redatto dai referenti dei vari progetti.